Asinelli ustionati in cura nell'Ospedale didattico veterinario Uniss_Battista_1

Incendi: l'ospedale veterinario dell'Università di Sassari al servizio del territorio

Mercoledì, 28 Luglio 2021

Battista e Ginestra sono arrivati a Sassari lunedì da Santu Lussurgiu, miracolosamente scampati all’incendio che ha devastato la zona uccidendo decine di animali. I due asinelli sono ricoverati nell’Ospedale didattico veterinario dell’Ateneo turritano e non si può ancora dire che siano fuori pericolo: “Hanno ustioni gravi di II grado, la prognosi è riservata – spiega il Direttore dell’Ospedale veterinario, professor Eraldo Sanna Passino – Hanno dal 40 al 60% del corpo ustionato, per questo li monitoriamo costantemente. Le prime 72 ore sono critiche. Mi preoccupa molto il maschio che ha il cuneo ungueale degli zoccoli gravemente bruciato”. Non solo l’asinello e l’asinella rischiano lo sviluppo di infezioni, ma si portano dietro anche importanti problemi respiratori. Proprio oggi è arrivato da Siena il plasma iperimmune che potrebbe rivelarsi decisivo per l’esito delle terapie.

L’aspetto positivo è la gara di solidarietà che si è scatenata tra i veterinari, sia pubblici che privati: “Sono orgoglioso di far parte di una categoria professionale che ha risposto così prontamente all’appello lanciato dal Circolo veterinario sardo. Ci siamo messi a disposizione per soccorrere gli animali sul posto, nel Montiferru, e per essere pronti anche qui in Ospedale organizzandoci in turni, con la collaborazione dei nostri studenti”, continua il professor Sanna Passino.

Nei roghi hanno perso la vita soprattutto gli ovini e la fauna selvatica. Anche i gatti e i cani però hanno pagato un tributo pesante, come dimostra la storia di Angelo (ora ricoverato a Oristano nella Clinica dei Due Mari), il cane pastore così ribattezzato dal nome del veterinario che lo ha salvato.

“Il vero problema è la perdita del territorio in cui gli animali vivono. A Cuglieri è andato in fumo il 90% degli oliveti. E’ una situazione che richiede un’attività imponente di monitoraggio nel tempo per garantire alla fauna la sostenibilità”, conclude Sanna Passino.

Alla storia di Battista e Ginestra, e al lavoro dell’Ospedale didattico veterinario, ha dedicato un servizio il TGR Rai Regione del 28 luglio 2021 (ore 14.00). Dal minuto 14.11

 

 

Valentina Guido

ufficiostampa@uniss.it